MY RESEARCH BLOG

  • Salvatore Enrico Anselmi

Giungeva alla foce


Salvatore Enrico Anselmi, "Giungeva alla foce"

Giungeva alla foce dopo lungo percorso e lì non inaridiva

Giungeva alla riva dopo aver domato gioghi ostili

e pianure complici alla scesa

Giungeva fluente e sicura con fievoli gorghi

Giungeva giocosa e s’acquietava dove trovava freno.

L’abbiamo vista fendere il cielo

L’abbiamo scorta tremante di tripudi e luce in brillio

sottile come stille di pioggia, come fresche mattine

e come in trepida attesa ne abbiamo raccolto

il senso, il verso, il comando.

A questo, certo e netto come il tuono,

gigante come il masso,

non vogliamo sottrarci e chiediamo riparo,

guglia, portale, camera di pitture accesa

che squilla dagli occhi al seno,

al luogo dove il pensiero cala

sul petto ferito di gioia, di gioia che scava

e lascia inermi e fuggiaschi

inermi e alleati alle braccia

Non esaurire la corsa fiorente come fuochi

consumati con troppa fretta nella sera

47 views0 comments

Recent Posts

See All

Alla più fulgida luce

La vita non ci appartiene. La tratteniamo per un tempo breve, confidiamo di possederla ma la fermiamo presso di noi solo per un breve tratto e in forma accidentale. L’afferriamo per un lembo di tessut

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Pinterest Social Icon
  • Instagram Social Icon

© 2023 by Scientist Personal. Proudly created with Wix.com