MY RESEARCH BLOG

  • Salvatore Enrico Anselmi

Il 27 luglio 1929 Alberto Moravia pubblicava "Gli indifferenti"


ll 27 luglio 1929 veniva pubblicato il primo romanzo di Alberto Moravia: "Gli indifferenti". Di Moravia e della sua statura di romanziere non si parla quasi più, il suo nome sembra purtroppo essersi aggiunto a quello di tanti altri autori, discussi e notissimi in vita, la cui fortuna è declinata dopo la morte. L'inesorabile cono d'ombra ha fatto seguito a un ruolo tra quelli più centrali del Novecento letterario italiano forse troppo coinvolto con il presunto dominio di certe parti e fazioni di intellettuali contro altre. Sembrano trascorsi molti più anni di quelli che realmente intercorrono tra la prima uscita de "Gli indifferenti" e il nostro tempo, onnivoro, incolto e smemorato, tra quella generazione di scrittori e buona parte dell'attuale che ha fatto dell'impoverimento del pensiero, della perdita di reali contenuti da trasmettere, dell'approssimazione stilistica e dell'impaccio nel conferire credibilità a trite vicende di cronaca, di sesso e mistero la propria logora bandiera. In luogo della disincantata sezione in cute della carne borghese che Moravia operava, quasi da "anatomo-patologo" della società a lui contemporanea, asfittica e liberticida, oggi lo scrittore avveduto millanta credito occupandosi della fenomenologia del suo ombelico. E' come se bastasse un'ambientazione risalente a qualche decennio fa, con un forzato spostamento all'indietro della cronologia, per credere di aver scritto un romanzo storico senza alcun fondale e fondamento. E' come se fosse sufficiente parlare della crisi d'identità generazionale per triti e banali luoghi comuni per ritenere di aver licenziato un romanzo introspettivo o di formazione. Per essere contemporanei è sufficiente essere banali e sciatti, adottare una sprezzatura ribaltata, coltivare una presunta profondità interiore ma non essere più chiamati a estrinsecarla nel testo? Auspico di no. E' sufficiente lanciare i personaggi sulla scena senza delinearli, accennare a luoghi fisici e mentali senza definirli, è sufficiente affermare che esista qualcosa o qualcuno che in realtà latita nella pagina scritta? Auspico di no. E' sufficiente inserire nella storia un politico per scrivere un testo di impegno civile, un artista o un letterato per scrivere un romanzo di impegno culturale?Nel caso sia così è diventato dunque necessario gabellare, diciamo così, il lettore facendogli credere che oltre e dietro le parole rilasciate quasi in libertà ci sia ben altro, per lusingarne il presunto acume. Tuttavia non c'è bisogno di alcun acume per decodificare significati e valore da ciò che non ha significato e valore. Avremmo tanto bisogno di una generazione di nuovi Moravia, Pavese, Vittorini, Bassani, Tomasi di Lampedusa, Pasolini, Ginzburg, Parise, Fenoglio, e la lista potrebbe essere molto lunga... Auguro a tutti noi una nuova generazione di scrittori pensanti: pensanti alla lingua da non più vilipendere, pensanti alle tematiche, alle battaglie civili e culturali da dover sostenere. Perché il disimpegno dovrebbe essere morto non la militanza.

43 views0 comments

Recent Posts

See All

Alla più fulgida luce

La vita non ci appartiene. La tratteniamo per un tempo breve, confidiamo di possederla ma la fermiamo presso di noi solo per un breve tratto e in forma accidentale. L’afferriamo per un lembo di tessut

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Pinterest Social Icon
  • Instagram Social Icon

© 2023 by Scientist Personal. Proudly created with Wix.com