MY RESEARCH BLOG

  • Salvatore Enrico Anselmi

Raccogli le mie foglie


Salvatore Enrico Anselmi - Raccogli le mie foglie - poesia

Raccogli le mie foglie, i segni del passo

e il mio profilo si staglierà

come linea netta sull'orizzonte.

Eterna è la giovinezza dell'essere

l'attitudine d'infanzia, la gloria attesa e fugace,

la spasmodica deriva di danze

approdate alla riva,

e di viluppi nel panno.

Raccogli le mie foglie

come pagine

di vita vergata e già resa

alle spalle,

come solitaria memoria,

come giocoso richiamo.

Non comprendo fino alla vena profonda

che riemerge dalla terra

come nuova sorgente e prezioso corredo

accumulati nel tempo disperso

e fuggiasco,

come ricchezze e parole, cimeli e panoplie.

Non comprendo se non condotto

per mano,

per gioco,

per istinto e consapevolezza,

lungo la riga vergata sul foglio, la linea

secata dall'orizzonte che sfiora il cielo

oggi rabbioso e stridente.

Un acuto verticale.


45 views0 comments

Recent Posts

See All

Alla più fulgida luce

La vita non ci appartiene. La tratteniamo per un tempo breve, confidiamo di possederla ma la fermiamo presso di noi solo per un breve tratto e in forma accidentale. L’afferriamo per un lembo di tessut

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Pinterest Social Icon
  • Instagram Social Icon

© 2023 by Scientist Personal. Proudly created with Wix.com