MY RESEARCH BLOG

  • Salvatore Enrico Anselmi

Ascesa


Salvatore Enrico Anselmi - Ascesa

Una tempesta cozza contro il petto

la bruma si dispone come aureola sgargiante

il pondo richiama alla terra

e sulla terra di cui è figlio

si assesta saldo alla base.

Vorrei essere alto

alto sull’orizzonte come il cipresso

bruno e rappreso nella veglia.

Vorrei essere ampio come il pino

che acquieta le ombre

vorrei essere loquace e potente

come le chiome del rovere

lanceolato alle foglie.

Filamenti di stringhe odorose

cantano a lume pieno

la sarabanda del loro fulgore

si chiamano e centuplicano l’eco.

La nostalgia del ritorno

distilla piccoli dolori

dolori mansueti

catene come fili di ragno

e li asperge a mani piene

come nell’atto di condividere e spezzare il pane

nel giorno della carità clemente

con uomini santi e imbelli.

Non chiedermi d’essere terrigno

perché i lacci del pondo respingo

i lacci del ventre famelico rescindo

i lacci del sonno e della promessa mancata.

Alta sull’orizzonte

veleggia la prua che sfida nel cerchio

e nel cerchio sovrasta con legni d’avorio

sfavillante d’argenti battuti

i gorghi in ascesa.

Un nuovo mare di cirri e fondali

coralli e remiganti ali

varca il pensiero

nella vacuità eterna del cosmo.

44 views0 comments

Recent Posts

See All

Alla più fulgida luce

La vita non ci appartiene. La tratteniamo per un tempo breve, confidiamo di possederla ma la fermiamo presso di noi solo per un breve tratto e in forma accidentale. L’afferriamo per un lembo di tessut

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Pinterest Social Icon
  • Instagram Social Icon

© 2023 by Scientist Personal. Proudly created with Wix.com